} -->

illuminazione: lampade Jieldé - stile industriale

29.1.13

Jieldé è un’iconica azienda francese, divenuta famosa per le sue bellissime lampade, nate per necessità dalla geniale intuizione di Jean-Louis Domecq.



Siamo alla fine degli anni '40 quando Jean-louis Domecq, meccanico, non riuscendo a trovare una lampada che lo soddisfacesse per illuminare la sua officina e il suo piano di lavoro, pensa di costruirsela da solo. Ecco che da un bisogno nasce un pezzo destinato a diventare simbolo dell' "Industrial Style". 
 I giunti della lampada permettono di regolare la lampada stessa in numerosi modi, rendendola ottima sia in ambienti di lavoro che a casa. 
 La lampada riscuote subito successo e Jean-Louis Domecq (dalle cui iniziali prende il nome Ji-eL-De) decide di industrializzarne la produzione dal 1951.

Oggi Jieldé è guidata dalla figlia di Domecq. Le lampade Jieldé sono prodotte a Lione, Francia, con gli stessi metodi tradizionali di sempre e ogni pezzo è numerato tramite una targhetta, dai primissimi prodotti negli anni '50 fino a quelli contemporanei, rendendo unico ogni esemplare.
Queste lampade sono diventate, negli ultimi anni, tra le più ricercate dagli appassionati di modernariato e le quotazioni dei modelli originali degli anni '50 raggiungono cifre considerevoli.

Il catalogo di lampade Jieldè si è arricchita in colori ed esemplari.













Volantino illustrativo:




barattoli da cucina handmade

28.1.13


Un'idea  semplice e delicata!
Prendete dei barattoli a chiusura ermetica  e seguite le indicazioni in questo blog...
...una soluzione raffinata ed essenziale per dei contenitori che si adattano ad ambienti vintage o più moderni!





25.1.13

Buon week 
e
ricordatevi che cucinare migliora l'umore!!!

;)

...aspetto nuove ricette per SALUTIAMOCI.

bellissima cartolina di cobrizoperla

Arredare con i quadri

22.1.13

Dopo il successo di come appendere un quadro...vediamo ora cosa appendere alle pareti per arredare la casa!

L'idea di oggi per le nostre pareti è quella di incorniciare le shopper che molto spesso (alzi la mano chi non lo fa) conserviamo gelosamente stipate in un angolino del notro armadio! Buste di un regalo, di un negozio che ci piace, buste ricordo di un'occasione speciale o semplicemente con una grafica, un colore, un motivo decorativo che ci piacciono...



...piccole opere d'arte...



























Crackers al sesamo

18.1.13

Questa mattina mi sono svegliata con la neve...quando si hanno cose da fare è difficile apprezzarne la bellezza! Oggi è andata così e mi sono detta quale occasione migliore per sfornare qualche cosa?!
Mani in pasta, forno a 180° e via....

....deliziosi crackers ai semi di sesamo già sperimentati e favolosi....

la ricetta con qualche variante è stata ripresa dalla cucina di Sara Papa, bravissima chef 
esperta in lievitati  & Co.




Tostate in un padellino i semi di sesamo e lasciateli freddare. 
Lavate e asciugate il rosmarino e tritatelo finemente.
Setacciate la farina, farte una fontana e unite al centro il rosmarino, il sesamo, l'olio, il vino e il sale.
Lavorate il composto fino ad ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso.
Fatelo riposare per 15 minuti circa avvolto nella pellicola trasparente.
Stendete l'impasto dello spessore di mezzo cm su carta oleata per aiutarvi a disporlo su una teglia.
Con una rotella dentellata tagliare la pasta formando dei rombi o rettangoli.
Cuocete in forno caldo a 180° per 20 minuti circa fino a quando saranno dorati.
Sfornate e lasciate freddare.



Fette di Pandolce

17.1.13




Ingredienti:

160 gr farina tipo 1
50 gr farina di miglio
120 gr pasta madre
 85 gr succo di mela puro
30 gr nocciole tritate (o altra frutta secca) 
30 gr olio di semi di girasole spremuto a freddo 
20 gr malto di miglio 
sale marino integrale qb


Impastate tutti gli ingredienti e formate un filone.
Fate lievitare per 6-8 ore circa. 
Cuocete in forno già caldo a 170° per 40 minuti. Quando è bello dorato tiratelo fuori dal forno e fatelo raffreddare. 
Il giorno dopo tagliate il pane dolce a fette e disponetele su una teglia. Infornate a 100° C per 15 minuti, girate le fette e fate stare altri 15 minuti.
Fate raffreddare e conservatele in una scatola di latta....si conservano per parecchi giorni.

Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci, iniziativa che questo mese ho il piacere di ospitare nel mio blog.

Bicchierini di zucchine ripiene di miglio

15.1.13






                                       ♥

Ingredienti:
4 zucchine grosse* 
100 gr di miglio
broccolo (facoltativo)
1 cipolla piccola
olio evo
pane grattato
tamari q.b.
sale q.b.

* le zucchine non sono di stagione in questo periodo. Questa ricetta è ottima in estate :).

Procedimento

Lavare il miglio e cuocerlo in acqua bollente salata (con due parti di acqua).

Dopo circa 25 minuti il miglio è pronto. Lasciate riposare.
Bollire le zucchine in acqua salata per 10 minuti. Una volta raffreddate, tagliatele in tre parti e aiutandovi con un cucchiaino svuotatele dalla polpa (se usate le zucchine tonde basterà togliere la polpa). Scaldare un pò di olio in una pentola e fate appassire la cipolla. Aggiungete la polpa delle zucchine e fate cuocere qualche minuto. Se avete del broccolo cotto potete unirlo al composto (aiuta a legare gli ingredienti).
Al composto unite il miglio e continuate a mescolare fino a che tutti gli ingredienti non sono ben amalgamati.
Spegnete e fate riposare per un pò. Sono ancora più buone quando il ripieno viene preparato in anticipo e fatto riposare diverse orette.
Prendete il composto e utilizzatelo per riempire le zucchine.Spolverate la superficie con un pò di pane grattato.
Infornate a 180° circa fino a quando non si sarà formata una crosticina croccante.

Con questa ricetta non posso partecipare a Salutiamoci perché le zucchine, come ho specificato sopra, non sono di stagione!
Ovviamente il miglio non si mangia solo a gennaio e questa ricetta può offrirvi uno spunto per i mesi caldi, quando le zucchine abbondano.


Sono buonissimi e vi faranno fare un figurone!!!! 

Sformato di miglio croccante

14.1.13





                                      

Ingredienti:

200 gr di miglio
un broccolo piccolo
noci o nocciole
olio evo
porro
tamari (salsa di soia)
sale marino integrale



Lavare accuratamente il  miglio e cuocerlo in acqua bollente salata (2 parti di acqua e 1 di miglio).
Dopo 25 minuti il miglio è pronto. Scolare.
Pulire e lavare il broccolo e lessarlo in abbondante acqua. 
Tritate il porro e fatelo appassire in una padella con un filo di olio; unire il broccolo e mescolare fino a che non è ben amalgamato. Unite il miglio e le noci tritate e continuate a mescolare fino a che il tutto non è ben amalgamato. Condire con tamari e ancora un filo di olio evo.
A questo punto, inserite il miglio in singoli pirottini o in una teglia unica e mettete in forno a gratinare per 15 minuti!

Questa ricetta partecipa a Salutiamoci, iniziativa che ho il piacere di ospitare per tutto Gennaio nel mio blog con l'ingrediente del mese che è il MIGLIO (anche in fiocchi o farina).

Una idea perfetta quando si ha del miglio avanzato. Unito al broccolo acquista una consistenza cremosa, ideale per sformati.

Aspetto numerose le vostre proposte con il MIGLIO!!!!

Finger food di miglio

2.1.13




  Una serata e qualche amico, una nuova esperienza da festeggiare, un anno da dimenticare e uno tutto 

nuovo da festeggiare.
Per capodanno ho voluto provare uno stuzzichino a base di miglio scovato in rete qualche giorno fa (qui il link), al quale ho apportato qualche modifica! Eccovi una deliziosa idea per aperitivi e antipasti...consigliatissimo!!!

Questa ricetta partecipa a Salutiamoci, iniziativa che ho il piacere di ospitare per tutto Gennaio nel mio 

blog con l'ingrediente del mese che è il MIGLIO (anche in fiocchi o farina).



ingredienti:

200 gr di miglio

broccoli o altra verdura a piacere (l'importante è che la consistenza aiuti a legare)

sale marino integrale (in alternativa tamari)

2 cucchiai o più di farina tipo 1

pangrattato

olio evo

rosmarino


Mettiamo il miglio precedentemente sciacquato in una pentola con un pizzico di sale integrale, il broccolo o un'altra verdura di stagione e aggiungiamo l'acqua in rapporto 1:2 ( una parte di cereale e due di acqua). Copriamo e facciamo cuocere a fiamma alta. Non appena la pentola va ad ebollizione, abbassiamo la fiamma al minimo e calcoliamo 25 minuti di cottura, senza mai aprire il coperchio nè girare il contenuto. 
Quando sono trascorsi  25 minuti, lasciamo la pentola chiusa e facciamo riposare il composto per una mezz'ora o più.
A questo punto passiamo il composto con un passaverdure.
Poniamo il composto su una spianatoia e lavoriamo con la farina necessaria per ottenere un impasto facilmente lavorabile senza che attacchi alle mani, aggiungendo un pò di pangrattato. Ricaviamo delle piccole palline.
Una volta pronti, li facciamo saltare in una padella con olio extravergine, rosmarino fresco e sale.
Servire ancora caldi, infilzati in uno stecco così da poterli mangiare comodamente  con le mani!!! 


A gennaio Salutiamoci con il Miglio

1.1.13



Augurandovi un meraviglioso inizio di anno, vi informo con grande piacere che da oggi e per tutto il mese di Gennaio Achitettarte ospiterà Salutiamoci, una bellissima iniziativa legata alla cucina buona e salutare!
Questa iniziativa sfida pregiudizi e luoghi comuni e conferma che cucinare deliziosi piatti in modo salutare si può e si deve fare!



L'ingrediente di questo mese è il  MIGLIO, un cereale antico tutto da riscoprire.

Quali sono le sue proprietà?

Facilmente digeribile
- Ricco di Sali minerali  come ferro, magnesio, fosforo e silicio
- Fornisce un'ottima quantità di carboidrati e una discreta dose di aminoacidi facilmente assimilabili
- Contiene vitamine del gruppo A,B, E
- Non contiene glutine, è adatto quindi anche ai celiaci
- Grazie alla presenza di acido salicilico è un grande alleato di pelle, denti, capelli e unghie
- E’ diuretico ed energizzante
- Combatte depressione, stanchezza, anemia e stress

Qui trovate una scheda dettagliata sul miglio.

Come utilizzarlo in cucina?

Il miglio è abbastanza rapido da cucinare e non ha bisogno di ammollo. E’ importante non lessarlo e scolarlo per evitare di gettare via con l’acqua tutte le proprietà ma è buona cosa cuocerlo in una casseruola aggiungendo il doppio di acqua rispetto alla quantità di cereale che volete preparare lasciando cuocere lentamente per 15/20 minuti. Si può mangiare in tanti modi ma, una volta cotto, grazie alle presenza dell’amido si presta molto bene a realizzare sformati, crocchette o polpette insieme a verdure, spezie o a quello che più preferite. 
Potete utilizzare il miglio anche sotto forma di farina di miglio o fiocchi di miglio.

Come partecipare a Salutiamoci...


Le regole del gioco le trovate nel  blog "le ricette di Salutiamoci", insieme alle preziose  ricette che sono state accuratamente raccolte nei mesi passati, seguendo il calendario che trovate qui

"Il gioco consiste nel cucinare qualcosa di buono, bello e soprattutto sano, alla scoperta di nuovi ingredienti nel rispetto della loro stagionalità, approfondendo la conoscenza del rapporto tra cibo e salute, ed evitando soprattutto facili scorciatoie industriali o scelte che prediligano solo l'occhio o il palato senza tener conto della salubrità nel lungo termine".

Chiunque può partecipare con una o più ricette, anche se non possiede un blog.
L'unico dictat è l'obbligo a seguire le indicazioni di questa tabella, a tre colonne, rispettivamente con gli ingredienti non permessi, gli ingredienti permessi ma non consigliati, e gli ingredienti consigliati.


Potete partecipare anche con vecchie ricette, l'importante è fare un nuovo post seguendo comunque le indicazioni qui sotto.

Se possiedi un blog:
- preleva il logo dalla pagina del blog di salutiamoci qui.
- posta la ricetta (realizzata secondo la tabella) nel tuo blog
- per riconoscibilità riporta nel tuo post: 

   1 - il logo di Salutiamoci, 
   2 - il link al blog di Salutiamoci, 
   3 - il link al post del blog ospitante quel mese;

- per concludere lascia il link nei commenti di questo post et voilà...sei pronta/o per ideare una nuova ricetta!!! :)

Se non possiedi un blog:

scrivi direttamente una mail all'indirizzo fuente_79@yahoo.it con la ricetta che hai realizzato...mi raccomando però di rispettare la tabella degli ingredienti.




cartolina di cobrizoperla


ELENCO RICETTE

Antipasti e sfiziosità
Finger food di miglio - Architettarte  
Biscotti salati sesamo e miglio - stelladisale

Primi piatti
Gnocchi di miglio e cavolo nero -  fashionflavorscooking  
Zuppa di miglio al profumo di mare -  nadirblog 
Zuppetta di cipolle speziata con tortino di miglio al timo e acciughe - acquavivascorre
Miglio cremoso alla zucca - latanadelriccio
Gnocchi di miglio e funghi su crema verdecucinadellanima
Brodo di zucca con miglio e zenzero - gatadaplarr
Minestra di verza e cipolla rossa con miglio - cobrizoperla
Zuppa di cipolle e lenticchie con miglio dorato - cobrizoperla


Piatti unici e secondi
Polpette di miglio con nocciole e zuccastelladisale 
Polpette di fagioli e migliobriggishome 
Miglio con finocchi e aranciapaciocchidifrancy  
Miglio e cavolo romano al profumo di mandorlagalline2ndlife 
Miglio cremoso ai cecigoccedaria 
Migliotto velocissimo - goccedaria 
Pacchettino di miglio broccoloecarota
Insalata di miglio invernale - girovegandoincucina
Tortini di miglio e cavolo toscano lacucinadellacapra
Insalata di miglio alle arance con barbe di finocchio, uvetta e pistacchi - acquavivascorre
Insalata tiepida di miglio e gamberiacquavivascorre
Crocchette con  miglio e cavolfiore al currygiallozafferano
Crocchette di miglio alle cime di rapa e pomodori secchi - latanadelriccio
Tabulè di miglio con melagrana - defelicitateanimi
Miglio con mandorle e rucolalaviamacrobiotica

Miglio ai borlotti con timo e noci - pensierieprofumi
Miglio e broccoli - zuccherod'uva
Miglio ai funghi - galline2ndlife
Sformato di miglio croccante - Architettarte
Tortino di miglio gratinato al sesamo - cucinadellanima
Involtini di foglie di cime di rapa ripiene di miglio - stelladisale
Polpette di miglio in umido alla curcuma - ricettealverde
Polpette di miglio e patate -nadirblog
Frittata di scammaro eretica - unfiloderbacipollina
Polpette di miglio e broccoli in pastella di ceci - galline2ndlife
Miglio con lenticchie rosse - ravanellocurioso
Migliette velocicookingcri
Cotoletta di miglio e ceci - latanadelriccio
Polpette di miglio con carciofi e patate - pasticciamenti
Muffin di miglio e broccoli - ledeliziedifeli
Miglio ai carciofi - paciocchidifrancy
Miglio con carciofi e broccolettidefelicitateanimi
Strudel di miglio con radicchio e salmone - iocucinosenza
Polpette di miglio con salmone e cavolfiore - chiaraecucina
Gratin di miglio e verdure invernali - cobrizoperla
Crocchette di miglio - ilmondodici
Cocottine di miglio al pesto di broccoli e mandorle - peanutincookingland
Polpettone di miglio e cannellini - ravanellocurioso
Miglio e biete - passatotralemani
Polpettine vegan di miglio e verdure - cobrizoperla



Merende e coccole dolci
Latte di miglio e nocciolegoccedaria 
Finto panettone al migliogoccedaria 
Sbrisolona al miglio - goccedaria
Granola cioccolatosa - latanadelriccio
Crema dolce di miglio - pensierieprofumi
Fette di Pandolce - Architettarte
Dolce di miglio con uvetta e cranberries - briggishome
Porridge di miglio e zucca speziato - sognigolosi
Miglio con albicocche e cranberriescrumpetsandco
Muffins al miglio con datteri carote e noci - crumpetsandco
Biscotti rubati allaraba - pappaecicci
Budino di miglio senza - kitchenbloodykitchen


Pane e lievitati
Treccia di grano duro ai semigoccedaria




....CONTRIBUTI VIA EMAIL:


Sformato di miglio zucca e tofu - da Lisa

Ingredienti:

250 miglio
un bel pezzo di zucca bernoccoluta (circa 500 gr)
1 porro
1 panetto di tofu (il mio 250 gr)
1 cucchiaio di curcuma
olio (evo o di sesamo)
erbette di provenza
1/2 tazzina di latte di soia
pangrattato senza glutine (ma va bene anche quello normale)
mix di lievito in scaglia e frutta secca varia (semi di zucca, sesamo, noci, pistacchi ecc)
sale marino integrale

Procedimento:

Ho fatto saltare il miglio in pochissimo olio e un pò di sale e dopo ho aggiunto acqua per 3 volte il suo volume.
Ho fatto cuocere per circa 30' (dipende dal tipo di miglio).
Nel frattempo ho saltato il porro e la zucca con le erbette di provenza in un cucchiaio di olio e poi ho aggiunto via via un pò di acqua fino a cottura.
Quando erano morbide le ho frullate con il minipimer per ottenere una crema.
Poi, dopo aver sbollentato il panetto di tofu, l'ho frullato con 1 cucchiao di olio, la curcuma, un pò di sale e un goccio di latte di soia.
Quando era tutto pronto, ho acceso il forno a 180°.
Poi ho preso una pirofila e l'ho unta di olio e cosparsa di pangrattato.
Poi ho steso  prima il miglio, poi il tofu e infine la zucca. Questo per due volte fino a concludere con il miglio.
Praticamente ho fatto degli strati.
Dopo, ho spolverato con il pangrattato e il mix di lievito e semi.
Ho messo in forno per circa 40', di cui gli ultimi 10 ventilato per formare la crosticina.
E' più buono mangiato qualche ora dopo, quando gli ingredienti si sono amalgamati...e solidificati :)
In tal caso, meglio dargli un'ulteriore scaldata.
Buon appetito :)


Budino di miglio, mele e albicocche - da Elena Mariani

 (da una ricetta di Marco Bo)

Ingredienti :

150 gr di miglio
900 gr di latte di riso
10 albicocche secche
1 mela golden sbucciata e a dadi
2 C malto di riso
2 C crema di mandorle
½  c vaniglia in polvere
1 pz sale

Procedimento:

In una pentola con fondo spesso versare il miglio -dopo averlo lavato-, le albicocche tagliate a pezzi, la mela, il latte, il sale e la vaniglia.
Far prendere il bollore poi far sobbollire il tutto coperto e a fuoco bassissimo per circa 40’ (aggiungendo un po’ di acqua calda in cottura se serve). Inizialmente alzare spesso il coperchio della pentola e far sfiatare il vapore evitando la fuoriuscita del miglio. Negli ultimi 15’ mescolare spesso per non far attaccare al fondo.
Frullare con il minipimer il composto fino ad ottenere una crema. Aggiungere il malto e la crema di mandorle e scaldare sul fuoco ancora qualche minuto. Versare il composto in stampini da budino dalle pareti lisce. Far raffreddare bene prima di sformare in piattini monoporzione e servire guarnendo con qualche pezzettino di albicocca o dei pistilli di zafferano. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...