} -->

Come appendere i quadri

7.6.12

Eccoci qui...parete immacolata, magari appena tinteggiata di fresco e varie cornici con foto, stampe e disegni, quadri e quadretti  e noi che fissiamo nel vuoto in attesa di un'ispirazione!

In realtà non è così difficile e come per ogni cosa bisogna organizzare il lavoro e non lasciare troppo al caso perché anche le splendide composizioni che avete visto su quella famosa rivista di design super patinata non sono state buttate sulle pareti a caso...come nella moda il trasandato per essere chic va curato, altrimenti è sciatto punto e basta.

Se avete una parete immacolata e nulla da appendere è più semplice perché è tutto ancora da organizzare, studiare e acquistare. Difficile però...di solito qualche pezzo a cui si è particolarmente affezionati c'è sempre e allora come fare?

Arredare le pareti, perché è di questo che si tratta, è importante perché può conferire ad un determinato ambiente un carattere preciso. In base allo spazio in cui vogliamo inserire delle decorazioni a parete di qualunque tipo, * la regola è creare sempre un allineamento perché conferisce un ordine al disordine evitando il trasandato di cui parlavo prima.

Alle pareti possiamo appendere qualsiasi tipo di elemento decorativo, anche poesie o lettere dell'alfabeto di vari materiali, oggetti a cui teniamo e che possono valorizzare la composizione finale.
Tutto è lecito se dialoga bene con il nostro arredamento e ovviamente il resto degli oggetti appesi!

 Per provare varie soluzioni, *prima di appendere tutto definitivamente, possiamo ritagliare l'ingombro della sagoma delle nostre cornici - o altro - su carta da pacchi, posizionandole/togliendole con del nastro adesivo gommato fino a quando l'effetto finale ci soddisfa!

Ecco qui uno schema di alcune possibili soluzioni per appendere quadri, quadretti e quant'altro:


                                                           7.

1. Creare una cornice immaginaria dentro la quale inserire la composizione.
2. Si sceglie una cornice grande e importante come fulcro della composizione e si aggiungono altre cornici creando una composizione circolare.
3. Allineamento verticale. Si può ovviamente scegliere di farlo sia a destra che a sinistra.
4. Allineamento verticale alto. Nessuno vieta di farlo dal basso verso l'alto.
5. In questa soluzione l'allineamento è ottenuto dal piano della cassettiera e rafforzato con elementi di appoggio che movimentano la composizione.
6. In questa situazione si sceglie un doppio allineamento centrale, e si procede verso l'esterno in entrambe i sensi.
7. Allineamento secondo una linea passante per il centro delle cornici.



Le soluzioni proposte vanno adattate allo spazio che avete a disposizione, alla posizione delle pareti e degli arredamenti. Anche se preferite una soluzione rispetto ad un'altra, valutate sempre bene l'effetto finale in quel caso specifico. In fondo è come un'abito...anche se sul manichino ci piace molto, non è detto che addosso ci sta sicuramente bene!!!

Ecco alcuni casi:
a. In questo caso la parete libera è posta sopra il divano. Qui valgono le soluzioni viste sopra.
Nel disegno propongo una variante che in questo momento è di moda e personalmente mi piace molto perchè è economica e consente di cambiare spesso composizione a seconda dell'umore!
L'allinemanento è ottenuto con due mensole per quadri - si trovano anche all'Ikea per pochi euro -, appese ad altezze diverse e sfalsate in modo da dare movimento. I quadri o altri oggetti decorativi sono appoggiati su queste guide e evitano di dover forare il muro, consentendo di cambiare la composizione in qualunque momento. In questa soluzione mi piace mantenere oltre alle mensole qualche elemento fisso (come i due quadri appesi a parete che bilanciano la disposizione finale) che arricchisce e movimenta molto il tutto! Qui trovate altre composizioni con le mensole.




b. Questa soluzione è ideale per chi vuole arredare la parete delle scale. Un allineamento orizzontale alto è consigliato, in modo da seguire con la composizione libera il digradare della scala stessa.



c. Questa soluzione è quella proposta dallo schema sopra. La cassettiera crea l'allinemanto orizzontale basso, permettendo una composizione casuale e movimentata, all'interno della quale trovano posto anche altri elementi decorativi che ben dialogano con il resto.
Il piano del mobile deve essere usato per cornici da appoggio o semplicemente appoggiate sulla parete, così come se fossero in attesa di essere appese!





Un' ultima soluzione, valida per grandi tele, cornici o quadri, è quella di appoggiarle sopra a dei mobili o direttamente a terra...in questo caso non si buca il muro e permette di provare soluzioni diverse. Ovviamente questa scelta va bene per alcune tipologie di case ed arredamento!!!




Nel prossimo post, ancora idee e spunti fotografici dal web per le arredare le pareti.
Per qualsiasi puntualizzazione, consulenza o richiesta non esitate a contattarmi! Ciao ciao


4 commenti:

  1. cercando schemi originali per disporre i quadri, mi sono imbattuta nel tuo blog: spero non ti dispiaccia se userò uno di questi tuoi disegni per il mio post di domani (ovviamente con il link al tuo blog!)!
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono problemi, sono per la condivisione delle informazioni...sempre citando la fonte :)!
      Ciao

      Elimina
  2. Ciao Federica,
    complimenti per l'articolo, mi hai fatto venir voglia di arredare le mie scale con i quadri ( come il caso b ) e stò acquistando cornici a ripetizione da questo ecommerce. Appena avrò riempito la parete delle scale con i quadri ti invierò la foto, sta venendo bellissima!!!
    Ancora complimenti a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria!!! Felice di averti ispirato....
      a presto :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...