} -->

Advent calendar 2012

8.12.12

Qualche idea dal web per contare i  giorni...



1. geometrico e raffinato via




qui il tutorial per realizzare i poliedri



2. minimale via




3. architettonico via




4. urbano via





Il mondo di ilill - idee per il natale

24.11.12

Cos'è ilil?

... è uno studio di progettazione fondato da due designer con un passato trascorso nel mondo della moda che hanno presentato la loro prima collezione di complementi per la tavola da abbigliare con simpatici accessori.
Il progetto si chiama "Vestire la tavola" e parte dall'idea giocosa di poter cambiare continuamente abito ad oggetti funzionali del nostro quotidiano... mug, tazze e tazzine, piattini e ciotole...
La collezione è composta da una linea in ceramica bianca o nera  e diversi accessori.
Questi oggetti hanno un'asola sul bordo che costituisce tratto caratteristico di queste ceramiche ed allo stesso tempo, elemento di congiunzione con gli accessori.

Le linee di accessori vengono presentate stagionalmente, primavera/estate e autunno/inverno, dettando "moda".
Queste decorazioni sono ispirate da ricordi immaginari, realtà e fiabe, sensazioni ed emozioni, enfatizzati dalla scelta di colori, pattern, texture e materiali.

... e se la giornata si prospetta "nera"...perché non iniziarla con un sorriso?


immagini da www.ilil.itilil painted it black













polpette di zucca e gamberi

12.11.12

Novembre è il mese della zucca....


Ingredienti per quattro persone:


500 gr di zucca
250 gr di gamberi cotti e sgusciati
50 gr di semi di sesamo
50 gr di pangrattato* 
mollica di pane*

olio di semi di girasole bio
sale marino integrale
prezzemolo
timo

Cuocete la zucca in forno per circa 30 minuti, in una pirofila coperta con un foglio di alluminio; quando si è disfatta, privatela dei semi e della buccia, tagliate la polpa a pezzi e passatela nel mixer con il timo, prezzemolo, sale e della mollica di pane ammorbidita in acqua.
Unite al composto le code di gamberi tritate e mescolate bene. Modellate delle polpettine tonde e passatele nel pangrattato mescolato ai semi di sesamo.
Friggetele in olio caldo e scolatele su carta paglia.


* Il pane utilizzato nella ricetta  è rigorosamente integrale e lievitato con pasta madre.
(in alternativa va bene anche quello con farina tipo 1)

Con questa ricetta partecipo a salutiamoci di novembre, iniziativa ospitata dal blog


Strudel di mele e libri

3.11.12


Che cos'è un libro? – si chiede Jorge Luis Borges ne "L’invenzione della poesia”...

"Un libro sembra qualcosa come un quadro, un essere vivente; però, se gli facciamo una domanda, non risponde. Allora ci accorgiamo che è morto”.


Ed è vero un libro di per sé non dice nulla, parla nel momento in cui qualcuno comincia a sfogliarne le pagine e intesse un dialogo tutto interiore con lo scrittore. E’ il lettore che lo fa vivere, che deve sentire che ha qualcosa da comunicare. Il libro non ha valore di per sé, ha valore se qualcuno lo rimette in vita con il suo intervento. I libri esistono se sollecitano domande senza le quali il nostro sapere non potrebbe progredire. I libri vivono quando aprono le nostre menti, e ci liberano dalle sbarre dei nostri pregiudizi, per mettere in moto la nostra immaginazione…lo steso vale per un'opera d'arte...



Jorge Luis Borges, citando il pensiero del  filosofo irlandese Berkeley   dice  
che "il sapore della mela non si trova nella mela – che non può gustare se stessa - né nella bocca di colui che la mangia. Ci vuole un contatto fra l'una e l'altra". 

Lo stesso accade nel caso di un libro o di un quadro. Un libro è un oggetto fisico in un mondo di oggetti fisici. È un insieme di simboli morti. Poi arriva il buon lettore e le parole - o, meglio, la poesia che sta dietro le parole, perché le parole in sé sono semplici simboli - tornano in vita. Ed ecco la resurrezione della parola.






Strudel di mele

ripieno:
3 mele golden delicius
uvetta
pinoli, noci e nocciole

frolla:
250 gr di farina
60 gr di malto di miglio (o 50 gr zucchero di canna)
6 cl di olio di semi di girasole
7 cl d'acqua tiepida
un pizzico di sale
1/2 cucchiaino di cannella
buccia grattugiata di 1/2 limone
10 gr di cremortartaro


Procedimento per il ripieno:
Cuocere  le tre mele tagliate a pezzetti con uno dito di acqua, succo di limone e cannella.
 Ammollare l'uvetta e tostare pinoli e nocciole. 
Quando le mele saranno morbide fatele  raffreddare e unite l'uvetta, i pinoli, le nocciole e le noci ridotte a granella, amalgamando il ripieno.

procedimento per la frolla:
Mescolare in un recipiente gli ingredienti asciutti. Miscelare a parte l'olio e il malto e unirli alla parte asciutta insieme all'acqua tiepida, amalgamare il tutto e lavorare l'impasto formando una palla.
Coprire con un panno e far riposare mezz'ora.
Trascorso il tempo di riposo, stendere la frolla su un foglio di carta da forno, aiutandosi con il mattarello; spargere sulla frolla del pane grattugiato e versare il ripieno solo su metà frolla. 
Chiudere e praticare dei tagli paralleli sulla superficie.
Cuocere in forno già caldo a 180° per 20/25 minuti.

A fine cottura far raffreddare e spennellare con del lucido (malto e acqua calda - rapporto 3 a 1)



Risotto zafferano e nocciole

29.9.12


Inizio d'autunno per due:


250 gr di riso 

20 nocciole bio 

zafferano
salsa di soia
olio evo
 sale


Cuocere il riso per assorbimento ( mettendolo in acqua fredda - proporzione 1 parte di riso e 1,5/2 parti di acqua), portare a bollore, salare e lasciare una decina di minuti a fiamma viva. Abbassare il fuoco e coprire la pentola lasciando cuocere per altri 5-6 minuti; spegnere e lasciare riposare.
Preparare un pesto di nocciole (frullandone la metà con un cucchiaio di olio e uno di acqua).
Far sciogliere una bustina di zafferano in un dito di acqua calda e aggiungere al riso. Mantecare bene e unire il pesto di nocciole. Salare con salsa di soia (o sale).
Guarnire con nocciole intere tostate o granella.

Nella mia versione ho unito delle erbe trovate, sbollentate e sminuzzate; il sapore amarognolo si sposa molto bene con le nocciole e lo zafferano.

Elogio degli spaghetti

20.9.12



Mi piace la gente che sa sentire gli odori delle cose, 
catturarne l'anima.

A.M.






   cliccare sopra l'immagine per ingrandirla.      




Pesche e Peperoni al coriandolo e cumino

8.8.12

L'ingrediente del mese di agosto per "salutiamoci" è la PESCA. L'iniziativa è ospitata dal blog briggishome e chiunque volesse proporre una ricetta con questo ingrediente può farlo, dopo aver letto le regole di partecipazione che trovate cliccando sul pulsante a destra o sbirciando direttamente nel blog briggishome!

La mia proposta è quella per un delizioso contorno estivo che può diventare un piatto unico in abbinamento a del cous cous. (considerate 50 grammi di cous cous a persona).





Gli ingredienti sono per circa 5/6 persone:

1 kg di peperoni verdi
1 kg di pesche gialle biologiche
1/2 cucchiaino di cumino macinato
1 cucchiaino di coriandolo macinato
succo di limone bio
olio extra vergine di oliva
sale marino integrale


Tagliare i peperoni a listarelle. Scaldare quattro cucchiai di olio in una padella, aggiungere spezie e peperoni e cuocere fino a che non diventano morbidi.
Tagliare le pesche a spicchi senza sbucciarle e aggiungerle ai peperoni con il succo di limone, mescolare e regolare di sale e pepe (a piacere).
Spegnere il fuoco e lasciare riposare qualche minuto.




Insalata di riso con pesce

21.7.12


MV% Ceramics Design


Ingredienti per due persone:

-200 gr di riso integrale
-pesce misto (seppie, calamari, gamberi)
-trito di carota e cipolla
-rucola
-sale qb
-olio evo
- tamari



Pulire il pesce. Frullare i gamberi e tagliare i calamari e le seppie.
In una padella far andare a fuoco vivace il trito di cipolla e carota e aggiungere i gamberi frullati. Dopo una decina di minuti spegnere il fuoco e lasciare in padella chiusa con un coperchio.
Cuocere il riso integrale in acqua salata. 
Dopo una cinquantina di minuti, il riso dovrebbe essere pronto, scolatelo e lasciatelo freddare.
Riaccendete il fuoco e nella padella con il trito e i gamberi unite seppie e calamari, fate andare per 5 minuti, spegnete  e coprite per lasciare finire la cottura. In questo modo il pesce resterà morbidissimo.
Unite il riso con il condimento e mescolate aggiungendo olio e tamari (in alternativa salate normalmente con del sale marino integrale) a piacere.


Io lo adoro tiepido! 




Zucchine profumate

1.7.12

Oggi il caldo è insopportabile...clima ideale per un piatto dal sapore fresco, molto profumato! 

Inizia il mese di luglio e per l'iniziativa Salutiamoci, il blog di Cobrizo ospita ricette a base di zucchine...quale occasione migliore per provare una semplice insalata di zucchine, buonissima da sola o per condire meravigliosamente un piatto a base di cous cous.




Io ho voluto accompagnare questo piatto con delle cialde di cous cous.

Ingredienti per 2 persone:
3 zucchine grandi
60 gr di cous cous
aromi freschi (rosmarino, origano, timo)
limone biologico
olio evo qb
sale qb

Procedimento:
Tagliare le zucchine a rondelle alte almeno 5 mm e metterle in una pirofila con carta forno. Ungerle con una emulsione di acqua, olio e rosmarino tritato.
Infornare in forno già caldo a 170° per 7/8 minuti. Spegnere e lasciar appassire nel forno.
Quando saranno belle morbide (attenzione a non farle seccare, devono rimanere polpose), condire con un trito di origano, timo e rosmarino freschi, un pizzico di sale, olio e una spruzzatina di limone. Io ho aggiunto delle fettine sottilissime di limone per profumare maggiormente l'insalata.
Far freddare prima di mangiare. Perfetto da portare al mare!

Per le cialde di cous cous:
Far bollire dell'acqua salata (proporzione 1,5 di acqua :1 di cous cous) e versarla in una terrina, dove precedentemente avevate messo il cous cous. Attendere fino a che il cous cous sia bello gonfio e morbido.
Stendere con l'aiuto di un cucchiaio su carta da forno in uno strato sottile. Mettere a gratinare da ambo i lati e guarnire le zucchine con queste cialde croccanti. 




Cancelli, recinzioni e ringhiere

17.6.12

Quando ci troviamo alle prese con la scelta di un cancello, una recinzione o una semplice ringhiera siamo condizionati da una scelta molto limitata in termini estetici. Dai "soliti" cataloghi che ci vengono proposti e dall'ambiente che ci circonda è difficile trarre spunti interessanti. I nostri occhi si sono assuefatti alla scarsa qualità architettonica che veste le nostre realtà urbane. 
Il mestiere dell'Architetto è meraviglioso perché ha l'onere e l'onore di progettare e costruire lo spazio che lo circonda, che sia una casa o una piazza poco importa,  lo scopo è comunque quello di rendere più semplice e più bella la vita di abita quel luogo. Qualificare gli spazi attraverso forme e materiali è un'arte che passa attraverso una cultura personale e professionale in cui studio, aggiornamento e passione fanno la differenza!


Qui di seguito idee e spunti da alcuni scatti rubati durante i miei viaggi reali e "virtuali":


Lace fence : questa idea nasce dal progetto di un gruppo di Designer Olandesi, Demakerswan che hanno ideato un "tessuto" metallico che combina l'antica arte del merletto con le moderne recinzioni industriali. 
Ogni recinzione è un pezzo unico e può essere personalizzato in vari modi. Questo interessantissimo progetto dimostra come  un elemento puramente funzionale può essere anche decorativo. 
Industria vs artigianato e durezza vs gentilezza!



via smallrooms   


           via ifitsshipitshere               


     

il rude e raffinatissimo acciaio Cor-ten...










a spasso per Volterra....

via Architettarte (don't copy or use without permission)




Pareti riempite....

Zenturo® è una soluzione originale e versatile per infinite applicazioni dal design innovativo. 
Questi pannelli offrono diverse soluzioni di riempimento per dare creatività e un tocco di personalità alla recinzione.




via archiexpo








Cerises Douces / Torta alle ciliegie

13.6.12

Oggi un inizio di giornata con i fiocchi...colazione con una soffice e profumata torta di ciliegie.
L'idea per questa torta l'ho rubata da Stefania di stefycunsyinyourkitchen apportando qualche piccola modifica...che dire è semplicemente una delizia!



INGREDIENTI

400 gr di ciliegie 
250 gr di farina 1
180 gr di acqua (non di rubinetto)
50 gr di malto di riso semintegrale
70 gr di olio di semi di girasole spremuto a freddo
1 bustina di cremor tartaro o meglio pasta madre
zucchero di canna 


Accendere il forno a 180°. Denocciolare le Ciliegie e tenerle da una parte.
Iniziare ad amalgamare gli ingredienti liquidi con l'aiuto di una frusta e poi aggiungere la farina e il cremor tartaro. Unire le ciliegie all'impasto.
 Versare in una tortiera precedentemente unta e infarinata tutto il composto.
Se vi piace il sapore molto dolce versare  nella tortiera metà impasto, spolverare con zucchero di canna e   coprire con il restante impasto.
Spolverare con zucchero di canna la superficie della torta e  infornare per 40 minuti in forno preriscaldato  a 180° circa. Perfetta per la colazione, la merenda o come dopo pasto...  




Biscotti al cioccolato fondente

12.6.12


se vivete nei vostri sensi, lentamente, con attenzione, se usate gli occhi e la punta delle dita e le papille gustative, allora non vi servirà mai un biglietto d’auguri per ricordare il romanticismo…” 

                                                                       ... da "La scuola degli ingredienti segreti" di Erica Bauermeister


I profumi evocano emozioni e ricordi lontani nel tempo come nello spazio, i sapori hanno i colori delle stagioni, e delle terre che ricordano. Il profumo dei biscotti appena sfornati è per me questo meraviglioso viaggio! 
Penso al Natale, al calore del camino, agli amici e alla famiglia; penso alle cose che mi sono più care e a quanto sono fortunata ad avere la possibilità di fermarmi a gioire per queste piccole e grandi cose!
Oggi fa caldo, il camino è spento e si respira un'aria calda che odora di fiori, eppure io mi sento felice come a Natale! 

  

   
INGREDIENTI (40 biscotti)

    50 gr di olio di semi di girasole spremuto a freddo 
    60 gr di malto di riso semintegrale
    180 gr circa di farina tipo 1
    acqua o succo di mela qb
    buccia di limone
    cioccolato fondente
    pizzico di sale
amore


PREPARAZIONE

Mescolare bene il malto con l'olio e un dito di acqua o succo di mele.
Aggiungere un pizzico di sale e la buccia del limone grattugiata. Iniziare a versare la farina e mescolare. 
Unire il cioccolato tritato in pezzi (in alternativa sono buonissimi anche con uvetta o frutta secca a pezzi).
Lavorare il composto fino a far assorbire tutta la farina. 
Deve risultare un impasto morbido, profumato e untuoso ;P!!! 
Mettere in frigo per circa 20 minuti se avete tempo.
Stendere con il mattarello su carta oleata per aiutarvi a staccare i frollini e tagliare con le formine che preferite!

In forno caldo a 180° per 12-15 minuti (dipende dal vostro forno). Appena sono leggermente dorati, spegnete e fate freddare fuori dal forno!!!

Sono friabilissimi e golosi e sani, ottimi per accompagnare una tazza di tè. 
Si conservano perfettamente in scatole di latta.







Come appendere i quadri: idee per arredare le pareti

11.6.12

Dopo aver descritto alcuni possibili modi per appendere quadri, cornici e decorazioni alle pareti vediamo qualche idea scovata nel web che può aiutare la nostra fantasia!!!


SOLUZIONE CON MENSOLE DA APPOGGIO






via web








Come appendere i quadri

7.6.12

Eccoci qui...parete immacolata, magari appena tinteggiata di fresco e varie cornici con foto, stampe e disegni, quadri e quadretti  e noi che fissiamo nel vuoto in attesa di un'ispirazione!

In realtà non è così difficile e come per ogni cosa bisogna organizzare il lavoro e non lasciare troppo al caso perché anche le splendide composizioni che avete visto su quella famosa rivista di design super patinata non sono state buttate sulle pareti a caso...come nella moda il trasandato per essere chic va curato, altrimenti è sciatto punto e basta.

Se avete una parete immacolata e nulla da appendere è più semplice perché è tutto ancora da organizzare, studiare e acquistare. Difficile però...di solito qualche pezzo a cui si è particolarmente affezionati c'è sempre e allora come fare?

Arredare le pareti, perché è di questo che si tratta, è importante perché può conferire ad un determinato ambiente un carattere preciso. In base allo spazio in cui vogliamo inserire delle decorazioni a parete di qualunque tipo, * la regola è creare sempre un allineamento perché conferisce un ordine al disordine evitando il trasandato di cui parlavo prima.

Alle pareti possiamo appendere qualsiasi tipo di elemento decorativo, anche poesie o lettere dell'alfabeto di vari materiali, oggetti a cui teniamo e che possono valorizzare la composizione finale.
Tutto è lecito se dialoga bene con il nostro arredamento e ovviamente il resto degli oggetti appesi!

 Per provare varie soluzioni, *prima di appendere tutto definitivamente, possiamo ritagliare l'ingombro della sagoma delle nostre cornici - o altro - su carta da pacchi, posizionandole/togliendole con del nastro adesivo gommato fino a quando l'effetto finale ci soddisfa!

Ecco qui uno schema di alcune possibili soluzioni per appendere quadri, quadretti e quant'altro:


                                                           7.

1. Creare una cornice immaginaria dentro la quale inserire la composizione.
2. Si sceglie una cornice grande e importante come fulcro della composizione e si aggiungono altre cornici creando una composizione circolare.
3. Allineamento verticale. Si può ovviamente scegliere di farlo sia a destra che a sinistra.
4. Allineamento verticale alto. Nessuno vieta di farlo dal basso verso l'alto.
5. In questa soluzione l'allineamento è ottenuto dal piano della cassettiera e rafforzato con elementi di appoggio che movimentano la composizione.
6. In questa situazione si sceglie un doppio allineamento centrale, e si procede verso l'esterno in entrambe i sensi.
7. Allineamento secondo una linea passante per il centro delle cornici.



Le soluzioni proposte vanno adattate allo spazio che avete a disposizione, alla posizione delle pareti e degli arredamenti. Anche se preferite una soluzione rispetto ad un'altra, valutate sempre bene l'effetto finale in quel caso specifico. In fondo è come un'abito...anche se sul manichino ci piace molto, non è detto che addosso ci sta sicuramente bene!!!

Ecco alcuni casi:
a. In questo caso la parete libera è posta sopra il divano. Qui valgono le soluzioni viste sopra.
Nel disegno propongo una variante che in questo momento è di moda e personalmente mi piace molto perchè è economica e consente di cambiare spesso composizione a seconda dell'umore!
L'allinemanento è ottenuto con due mensole per quadri - si trovano anche all'Ikea per pochi euro -, appese ad altezze diverse e sfalsate in modo da dare movimento. I quadri o altri oggetti decorativi sono appoggiati su queste guide e evitano di dover forare il muro, consentendo di cambiare la composizione in qualunque momento. In questa soluzione mi piace mantenere oltre alle mensole qualche elemento fisso (come i due quadri appesi a parete che bilanciano la disposizione finale) che arricchisce e movimenta molto il tutto! Qui trovate altre composizioni con le mensole.




b. Questa soluzione è ideale per chi vuole arredare la parete delle scale. Un allineamento orizzontale alto è consigliato, in modo da seguire con la composizione libera il digradare della scala stessa.



c. Questa soluzione è quella proposta dallo schema sopra. La cassettiera crea l'allinemanto orizzontale basso, permettendo una composizione casuale e movimentata, all'interno della quale trovano posto anche altri elementi decorativi che ben dialogano con il resto.
Il piano del mobile deve essere usato per cornici da appoggio o semplicemente appoggiate sulla parete, così come se fossero in attesa di essere appese!





Un' ultima soluzione, valida per grandi tele, cornici o quadri, è quella di appoggiarle sopra a dei mobili o direttamente a terra...in questo caso non si buca il muro e permette di provare soluzioni diverse. Ovviamente questa scelta va bene per alcune tipologie di case ed arredamento!!!




Nel prossimo post, ancora idee e spunti fotografici dal web per le arredare le pareti.
Per qualsiasi puntualizzazione, consulenza o richiesta non esitate a contattarmi! Ciao ciao


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...